mercoledì 20 febbraio 2013

Polenta calabrese

      


E' un piatto molto antico che la gente preparava nel periodo quaresimale per non andare contro le leggi della chiesa.I "frascatuli" sono infatti erbe di campo con l' aggiunta di farina di mais.
Era un piatto poco costoso, ma nutriente, che con il passare del tempo è stato arricchito con altri ingredienti.
Ingredienti
1 kg di broccoli lessati
300 gr di polpa di maiale
passata di pomodoro
500 gr di farina di mais
1 scalogno
peperoncino piccante
olio d'oliva
sale q. b. 
acqua q. b.
Preparazione
In una pentola larga e bassa  far appassire lo scalogno nell' olio d' oliva, aggiungere la polpa di maiale tagliata a tocchetti piccolissimi (non tritata) e farla rosolare; continuare la cottura aggiungendo la passata di pomodoro diluita con un pò d' acqua, il sale e il peperoncino e  successivamente  i broccoli lessati. Spargere poi la farina di mais a piccole dosi per evitare il formarsi di grumi e mescolare in senso rotatorio con un cucchiaio di legno fino a che diventi un composto omogeneo.
Ultimare la cottura per qualche minuto e servire la polenta calda con del parmigiano grattugiato. 


Con questa ricetta partecipo al contest di TERRA e FARINA

http://www.terraefarina.it/2013/01/1-contest-terra-e-farina.html
 


 

8 commenti:

  1. Barbara questo era il piatto preferito di mia nonna, ricordo che quando veniva a trovarci, portava tutti gli ingredienti ed era una festa!!!!Grazie per avermelo fatto ricordare!!!!!

    RispondiElimina
  2. Cara Mariangela effettivamente è un piatto-di una volta-,
    rifarlo ci fa andare indietro nel tempo con la mente e con i sapori assopiti.
    A presto

    RispondiElimina
  3. Ciao , non conoscevo questo piatto, mia marito adora la polenta, da provare!!
    Bravissima
    Buona giornata!

    RispondiElimina
  4. Non conoscevo questa ricetta, ha tutti gli ingredienti giusti per piacermi! :)

    RispondiElimina
  5. Ciao Barbara, grazie mille per le bellissime parole. La citazione di V. Gogh è meravigliosa e la condivido pienamente.Questa ricetta non la conoscevo, sono abituata alla classica polenta.
    Bacioni
    Alessandra

    RispondiElimina
  6. una ricetta particolare, certo che molte di quelle "antiche" vanno man mano scomparendo ed è un peccato, deve essere ottima, ciao cara!

    RispondiElimina
  7. Cara Barbara,
    grazie per la visita al mio blog.
    Questa ricetta non la conoscevo,amo molto le ricette antiche e questa sono sicura che è buonissima!
    Un abbraccio,
    Letizia.

    RispondiElimina
  8. Complimenti per la tua ricetta,ho un regalo per te sul mio blog,complimenti per il tuo blog,ti aspetto ciao

    RispondiElimina