venerdì 29 marzo 2013

TRADIZIONE E DOLCEZZE SULLA TAVOLA DI PASQUA





Si sa, ogni festa ha i suoi dolci e Pasqua significa soprattutto uova, colombe e pastiera. Anche le tradizioni calabresi le prevedono, ma si difendono gelosamente le usanze locali tramandate da secoli di cultura gastronomica contadina. La "cuzzupa" è il dolce tipico per eccellenza, viene preparata nelle forme più svariate e decorata con uova, glassa o codette di zucchero colorato. Racconta mia mamma che tempo addietro la Ressurrezione di Gesù avveniva il sabato santo: la mattina presto si slegavano le campane per farle suonare a festa e poi nelle case , dopo una settimana di digiuno, si aprivano "i ciurmi de sazizzi" ( sacchi di juta contenenti salsicce )  e si mangiavano i salumi con la"cuzzupa".  Un abbinamento questo che vale la pena provare! 
Sulla tavola pasquale inoltre non mancavano i biscotti con le mandorle, i "taralli con l'annaspo " e le "nepitelle". Dolci questi che venivano cotti "ntro cocipani" ( forno a legna ) presente in ogni casa, con il risultato che per  tutte le  viuzze del paese si effondevano  dolci profumi.
Tante cose oggi sono cambiate, ma per quanto possibile si cerca di mantenere alcune di queste tradizioni seppure rivisitandole.

                                                                     LE MIE NEPITELLE



INGREDIENTI PER LA PASTA 
400 gr di farina
100 gr di zucchero
3 uova + 1 per spennellare
1bustina di lievito
50 gr di burro 
scorza di limone
Ingredienti per il ripieno
200 gr di marmellata d' uva
50 gr di uvetta
50 gr di granella di mandorle
50 gr di fichi secchi
50 gr di noci tritate
1/2 di limoncello 

Preparazione
Versate in una ciotola la farina,il lievito, lo zucchero, le uova intere, il burro fatto sciogliere a fuoco
bassissimo e la scorza grattugiata del limone. Amalgamate gli ingredienti e lasciate riposare il composto in frigo per 20 minuti.
Tritate grossolanamenti i fichi e metteteli a macerare con l' uvetta nel limoncello ( questa operazione conviene farla la sera prima ),quindi strizzateli e amalgamateli con le mandorle, le noci e la marmellata d'uva.
Stendete la pasta in una sfoglia non troppo sottile, spalmate su una metà la farcia e ripiegate con l'altra metà. Con formine varie o con la vostra fantasia ritagliate i biscotti, spennellateli con un uovo sbattuto e infornate per 20 minuti a 180°.


4 commenti:

  1. devono essere proprio buoni questi dolcetti, non li conoscevo,brava e un augurio di una serena Pasqua!

    RispondiElimina
  2. Di nuovo Buona Pasqua e che delizie per il palato!!!
    Bacioni
    Alessandra

    RispondiElimina
  3. Ciao Barbara, non conosco questi dolci ma di sicuro devono essere buonissimi!!
    Complimenti per questa ricetta...è davvero invitante!
    Un bacione e tanti auguri di Buona Pasqua!!
    Rosy

    RispondiElimina
  4. i nepitelli mi hanno incuriosita, proverò a farli, anche tu sei tanto brava!!!!!!!! un abbraccio Angela............

    RispondiElimina