giovedì 1 agosto 2013

Pipi friuti cu sardi e olivi




La cucina calabrese spazia dai prodotti delle colline e delle montagne a quelli dei suoi due pescosi mari, Ionio e Tirreno. Il sapore dei piatti è robusto e forte, ma nello stesso tempo gustoso e con un uso frequente del peperoncino piccante; i condimenti anche se un pò troppo pieni di calorie fanno leccare i baffi pure a chi non li ha.
Il piatto che vi presento anticamente si serviva nel pane casareccio, precedentemente svuotato. Costituiva la" colazione" che i contadini si portavano da casa e consumavano sul luogo di lavoro durante la pausa di mezzogiorno. Durante il periodo estivo si è soliti friggere i peperoni con le sarde fresche o meglio ancora con le mezze sarde.
Ingredienti
peperoni rossi, gialli e verdi affusolati, del tipo friarelli
peperoncini piccanti
sarde sott'olio 
olive nere
pomodori maturi
uno spicchio d'aglio
olio d'oliva
sale q.b.
Preparazione
Lavate e asciugate i peperoni e togliete il picciuolo; i più grandi tagliateli a metà, mentre ai più piccoli fate un taglio a croce sulla sommità. I semi non vanno tolti.
In una padella capiente ( fressura ) friggete in abbondante olio caldo i peperoni che avrete precedentemente salato e  i pomodorini tagliuzzati grossolanamente. Fateli cuocere ben coperti e a fuoco lento, scuotendo spesso la padella per evitate che i peperoni si attacchino al fondo. Toglieteli dalla padella  con un mestolo forato e trasferiteli in un piatto. Nella stessa padella fate imbiondire l'aglio schiacciato e scioglietevi i filetti delle sarde.



 Mescolate fino ad ottenere una salsina omogenea che verserete sui peperoni. Lasciate insaporire brevemente prima di servire.





Io li ho gustati dentro un panino integrale , ancora caldo.





                                            Soverato




8 commenti:

  1. Barbara, complimenti! Mi pare di sentire il profumo di questa meravigliosa ricetta!

    RispondiElimina
  2. Che buone le tue ricette anche questa poi con il panino:)bellissima la foto! Baci Simona

    RispondiElimina
  3. Mamma quanto sono buoni i peperoncini così.. e nel panino la morte loro proprio!! <3 Stupendi!! <3 <3

    RispondiElimina
  4. Ciaooooo, ho acquistato proprio oggi i peperoncini dettia friarelli il resto l'ho gia in casa e aggiungo un tuo di peperoncino e poi viaaaa da leccarsi i baffi...che non ho.
    Un caro saluto dal caldo previsto con domani e pur vivendo in una città di mare quello tuo mi manca sempre e mi ci butto in quello di Soverato.
    Un abbraccio ciaooo.

    RispondiElimina
  5. eh li conosco benissimo!che bontà!

    RispondiElimina
  6. Che delizia quel panino integrale! Ho letto con interesse le notizie sulla " schiscetta"( meranda in milanese) dei contadini di una volta.
    Bacioni
    Alessandra

    RispondiElimina
  7. Complimenti per la ricetta veramente ottima e sicuramente gustosissima....e per le premesse ai piatti appartenenti alla tradizione della tua regione, che leggo sempre con grande piacere e interesse..
    un bacione!!!
    Rosy

    RispondiElimina