sabato 18 gennaio 2014

Braciole di cotiche di maiale al sugo




 Quando del maiale non si buttava via niente e quando era sconosciuto il termine "calorie" , le nostre nonne usavano preparare questo semplice e gustoso piatto. Le cotenne o cotiche, che altro  non sono  che la pelle del maiale,  sicuramente non fanno parte dei menu proposti dai grandi chef, ma non per questo non sono buone o sono da scartare. Basti pensare al sapore dei fagioli con le cotiche o alla cassoeula. 
Il  piatto postato con il passare degli anni si è arricchito con costine e salsicce,  però io lo preferisco nella sua originale semplicità , con l'uso anche della sugna.

Ingredienti
4 rettangoli di cotica di maiale
pane casereccio sbriciolato finemente
prezzemolo
pecorino grattugiato qb
uno spicchio di aglio
peperoncino piccante in polvere
2 barattoli di pelati
sugna
cipollotti
sale qb
alloro

Preparazione
Preparate la farcia frullando il pane con il prezzemolo, l'aglio, il pecorino un pizzico di sale e il peperoncino. Inumidite il tutto con un filo di olio d'oliva.





Eliminate dalle cotiche il grasso in eccesso, passatele sulla fiamma per bruciare gli eventuali peletti, grattatele e scottatele in abbondante acqua  salata.


 Quando le cotiche saranno cotte, stendetele e farcitele con il pane aromatizzato. Avvolgete le cotiche su se stesse e chiudetele con uno stecchino oppure legatele con spago da cucina.



 In una pentola ( sarebbe ideale se fosse di coccio ) fate soffriggere  i cipollotti tritati con un pò di sugna o  olio d'oliva. Aggiungete le cotiche e fatele rosolare da entrambi i lati. Versate i pelati schiacciati, un pizzico di sale e foglie di alloro. Coprite e fate cuocere a fuoco molto basso finchè le cotiche non si infilzeranno con i rebbi della forchetta. Mescolate spesso perchè le braciole potrebbero attaccarsi al fondo della pentola, se necessario diluite con un mestolo d'acqua calda. Servitele ben calde accompagnate da verdura lessa o meglio ancora con sottaceti.
Volendo con il sugo potete condire dei maccheroni o degli gnocchi di patate.




13 commenti:

  1. sono davvero buonissime danno a quel sugo un intenso sapore dove si può condire la pasta e assaporare le gustosissime involtini di cotiche... le faccio spesso anche io ... anzi mi hai fatto venire un acquolina in bocca che domani a pranzo saranno il mio pranzo ^__^
    lia

    RispondiElimina
  2. Le cotiche o a cotenna la ricordo da bambina quando per dare un pò di sapore alla zuppa o brodo o altro si cuocevano anche loro con il pò di grassetto visto che altri condimenti non c'erano o erana cari. Oggi sinceramente non le mangerei più forse anche perchè il ricordo di quella volta mi è nauseante...Comunque il piatto è senz'altro saporito. Buona fine settimana.
    PS. Ora ricordo che veniva lasciate con una piccola parte di grasso e tagliate a quadrucci e lasciate sciogliere fino a quando diventano croccanti. Senza cotenna erano le frizze, queste cosi boh! non lo so, sale ed erano un rompifame. Ciaooo

    RispondiElimina
  3. Cara Barbara, sai, anche nella cucina sarda si faceva,soprattutto in passato, largo uso delle cotiche, sia nei legumi in umido che nella cottura di minestroni sempre a base di legumi..per non parlare della cotenna del maialetto da latte (su proceddu) cotto allo spiedo..quella è a dir poco
    divina...croccante e gustosissima:))
    la tua ricetta è sicuramente saporitissima e la pasta condita con quel sugo è speciale e buonissima..bravissima Barbara, mi piace lo spazio che dedichi spesso alla cucina tradizionale della tua terra, è importante che queste tradizioni si tramandino e non cadano nel dimenticatoio come purtroppo spesso accade:(
    un bacione e buon fine settimana
    Rosy

    RispondiElimina
  4. ma quanto sono buone!che ricetta originale!complimenti!
    ti auguro una buona serata simona:)

    RispondiElimina
  5. Con il freddo e l' umido che c' è qui, un piatto del genere è sempre gradito.Il tuo piatto è molto saporito. Io non mangio il maiale, ma terrò presente la tua squisita ricetta per mio marito!
    Bacioni
    Alessandra

    RispondiElimina
  6. Ciao cara Barbara,
    che meraviglia questa pietanza, complimenti!
    Un bacio e buona domenica
    Antonella

    RispondiElimina
  7. Ciao barbara, grazie per essere passata da me, piacere di conoscerti!
    Io adoro la cucina tradizionale, i piatti di una volta e non vanno assolutamente dimenticati.
    Il tuo piatto è delizioso. A presto e buona domenica.

    RispondiElimina
  8. Non le ho mai provate, non saprei dire nemmeno se mi potrebbero piacere. Non mi resta che invitarmi da te e provare :-)

    RispondiElimina
  9. Buonissime Barbara!!
    Io le preparo nella stessa tua maniera e qui a casa ne vanno pazzi!!!
    Un abbraccio e buona settimana
    Carmen

    RispondiElimina
  10. Mai viste le cortiche cucinate così.... da fare!!!!!

    RispondiElimina
  11. Questa Barbara e' una delizia gastronomica di una bontà unica.
    Ottimo post e come dici te la caloria le hanno inventato solo pochi anni fa.
    A presto

    RispondiElimina
  12. Buongiorno Barbara eccomi a ricambiare la visita, grazie per essere passata, ti seguo anche io, il tuo blog è pieno di ricette gustose come queste braciole di cotiche, piatto preferito di mio marito, complimenti per tutto sarà un piacere seguirti. A presto,
    Buona giornata! Saluti
    Lina

    RispondiElimina