martedì 28 gennaio 2014

Minestra maritata




In Calabria  è stata sempre prevalente la cultura contadina per cui i piatti più comuni erano legati ai prodotti della terra e agli animali  che venivano allevati. Il maiale, in particolare, costituiva la ricchezza maggiore; del maiale non si buttava via niente, anche per le parti meno nobili le massaie riuscivano a trovare un utilizzo adeguato e gustoso. Un classico era ed è la " minestra maritata", una perfetta unione tra la carne di maiale e le erbe spontanee che messe insieme contribuiscono a creare un gusto armonioso di sapori. Una volta tale unione avveniva nella "pignata" di coccio posta sui carboni ricoperti di cenere del camino.
Certamente la varietà delle verdure e della carne è a gusto personale.
Ingredienti
verdure miste di stagione: cicoria, scarola, bieta, verza, borragine ( un fascio per ogni tipo)


verza nera e verde
cicoria
borragine..con un ospite

1 kg di costine di maiale
200 gr di cotiche
cipolla, sedano, carota
croste di pecorino
pecorino grattugiato
caciocavallo
sale qb
Preparazione
Pulite (ahimè è la parte più lunga )  le verdure e lessatele separatamente in acqua salata. Scolatele e strizzatele ( ricordatevi di passare la cicoria sotto l'acqua fredda per togliere l'amarognolo ).



In una pentola capiente mettete in acqua fredda la carne con gli odori, salate e portate ad ebollizione fintanto che la carne non sarà tenera. Scolate poi la carne, eliminate le ossa e sfilettatela.



 Sgrassate il brodo e filtratelo. A questo punto prendete un'altra pentola e fate uno strato di verdure, uno di carne, pecorino grattugiato, caciocavallo  a scaglie e brodo. Continuate ancora con un 'altro strato e ricoprite infine il tutto con abbondante brodo.



 Rimettete la minestra sul fuoco e continuate la cottura per altri trenta minuti e una volta spento il fuoco fatela riposare prima di servirla.



12 commenti:

  1. Che belli i piatti di tradizione.. e che bello conoscere la storia culinaria delle regioni italiane: tesorina questa minestra parla proprio di sapienza antica e di sapore confortante! Un abbraccio di bene <3

    RispondiElimina
  2. Avevo sentito parlare di questa minestra, ma non la conoscevo bene. Deve essere molto buona, un piatto adatto a questa stagione :)
    Complimenti un gran bel piatto.

    RispondiElimina
  3. Come sempre, leggo con interesse le tradizioni della tua terra. Questa minestra è certamente molto saporita e adatta ad il freddo di questa stagione. Grazie mille per le dolci parole...
    Bacioni
    Alessandra

    RispondiElimina
  4. Buonissimo questo piatto tradizionale che non conoscevo...grazie per i tuoi post li trovo veramente molto interessanti in quanto incentrati spesso su quelle che sono le tradizioni della tua terra:)
    un bacione!!!:)
    Rosy

    RispondiElimina
  5. L'ho mangiata la minestra maritata in Calabria a Cundufuri in una famiglia calabrese favolosa. L'unica cosa che non sono riuscita a mangiare era la cotenna....ma sono stata perdonata :)
    Buona serata.

    RispondiElimina
  6. Adoro questa minestra!!! La tua è davvero invitante!!!
    Ti abbraccio!!!

    RispondiElimina
  7. Conoscevo questa minestra solo di nome, non pensavo proprio che fosse così invitante e gustosa!!
    Grazie mille per averla condivisa!!

    RispondiElimina
  8. Non conoscevo questa minestra, genuina e che fa parte della tradizione, davvero un ottimo piatto! Perfetta per scaldarsi in queste giornate fredde!!!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  9. Mi garbano proprio tanto queste minestre della tradizione!

    RispondiElimina
  10. Il piatto è interessante per la storia che porta dietro, purtroppo non amo troppo le verdure lesse. Ma la carne sì! Buona domenica

    RispondiElimina
  11. Ciao, che bello il tuo blog e quante cosine tutte da "copiare" :-) Mi sono unita ai tuoi sostenitori, se ti va fallo anche tu. Grazie. Francesca.

    RispondiElimina
  12. non l'ho mai mangiata anche se ne ho sentito parlare, ha un aspetto molto invitante ! Buona domenica !

    RispondiElimina