lunedì 28 aprile 2014

Pasta chjina



E' un classico della cucina casareccia calabrese dai sapori naturali e corposi. Un piatto molto ricco, il suo nome nel nostro dialetto vuol dire " pasta piena" perchè è ricca di diversi ingredienti, semplici e genuini. Lo possiamo considerare un piatto unico:  fa da antipasto, primo, secondo e contorno, dopo di che " alzati e cammina!". Per quanto riguarda la scelta della pasta la tradizione locale vuole gli zitoni spezzati grossolanamente ma, in alternativa, si possono usare le penne o i torciglioni. Si prepara per le grandi occasioni come Natale e Pasqua oppure per le scampagnate ai monti o al mare  di Pasquetta e di Ferragosto. Per tradizione mia mamma la prepara per il pranzo di Pasqua, giorno in cui  noi figli con le rispettive famiglie da sempre pranziamo a casa sua e guai a dissuaderla dal farlo. Da brava massaia si divide la preparazione in modo da avere il tempo per assistere alle funzioni pasquali. Lei naturalmente usa gli zitoni!
Ingredienti
500 gr di pasta ( io ho mischiato penne e torciglioni)
1 l di salsa di pomodoro
1 cipolla
2 uova sode
salsiccia qb
pecorino fresco qb
pecorino grattugiato
olio evo
2 uova sbattute con un pizzico di sale.
per le polpettine
250 gr di trito di vitello
1 uovo
un pugno di pane raffermo calabrese
aglio e prezzemolo tritati 
pecorino grattugiato
sale 
pepe
olio per friggere
Preparazione
In un tegame fate rosolare la cipolla affettata sottilmente, aggiungete la salsa di pomodoro, il sale e fate cuocere a fuoco lento per venti minuti circa. Vi consiglio di non farlo troppo ristretto, in modo che poi tutti gli ingredienti si possano amalgamare bene.
Impastate la carne trita con l'uovo, la mollica di pane ( ammollata precedentemente ),l'aglio e il prezzemolo tritati, sale, un pò di pepe. Una volta ottenuto l'impasto con le mani fate delle polpette non molto grandi e friggetele nell'olio bollente. Lessate la pasta al dente, trasferitela in una zuppiera e mantecatela con il sugo e del pecorino grattugiato. In una teglia cospargete il fondo con un pò di sugo, aggiungete un primo strato di pasta condita e poi le polpettine, le uova sode tagliate a spicchi, le fettine di salsiccia, il pecorino a fette e quello grattugiato.Coprite il tutto con il resto della pasta, del sugo e una spolverata di pecorino e pangrattato. A questo punto versate le uova sbattute e mettete la teglia nel forno caldo per venti minuti circa e magari qualche minuto in più se vi piace con un pò di crosticina. La pasta va fatta riposare in modo che si rassodi e si possa tagliare bene.
Buon appetito!



Con questa ricetta partecipo al contest L'Italia nel piatto



15 commenti:

  1. Ciao Barbara,questo primo è favoloso,con qualche piccola variazione anche io lo preparo ogni tanto,piace a tutti,la prossima volta seguirò la tua ricetta,in bocca al lupo per il contest!
    Buonanotte

    Letizia

    RispondiElimina
  2. Credo piena che sia definita piena è una bomba ovviamente saporitissima. Un abbraccio e buona giornata.

    RispondiElimina
  3. Ammazza che piatto ricco.. ecco perchè vuol dire "pieno" :-D.. mi piace tantissimo.. con salsiccia.. polpette uova e tutto il resto.. Un baciotto

    RispondiElimina
  4. Bravissima Barbara, i tuoi post vanno oltre le tradizioni, racconti, ricordi di infanzia ecc.
    Da noi si chiamano e maccarun mbuttit !!!! Quasi uguale :-)
    Magnifica!!!

    RispondiElimina
  5. Cara Barbara, ti faccio i miei migliori complimenti per questo favoloso, sfiziosissimo piatto, dev'essere di sicuro buonissimo:)) anche qui in Sicilia (almeno nella zona del ragusano dove vivo io, poi ogni provincia ha la sua cucina) si fa una versione simile alla tua (utilizzando i
    torciglioni) ma viene preparata con : ragù di carne macinata, uova
    sode, piselli, ricotta a pezzi..la tua versione è molto più golosa e saporitissima, che meraviglia e che bontà:))) bravissima come sempre:))
    un bacione e in bocca al lupo per il contest:))
    Rosy

    RispondiElimina
  6. Grazie per questo piatto, tipico della tua terra, che non conoscevo. Sono felice che tu lo abbia condiviso. Ho intenzione di realizzarlo al più presto. Grazie!
    Un caro saluto
    MG

    RispondiElimina
  7. Ciao Barbara per un mio errore di comunicazione non ti ho detto che per il contest andavano pubblicate 2 ricette nel mese di aprile.
    Siccome ho controllato e tu ne hai 3 nel mese di aprile, alle altre due puoi mettere il banner del contest e inviarle sul profilo ...
    Scusami
    A presto

    RispondiElimina
  8. Caspita che piatto sostanzioso e gustoso :)
    Una vera meraviglia.
    Un bacio

    RispondiElimina
  9. Caspita che piatto ricco veramente, non l'ho mai assaggiato ma deve essere super !

    RispondiElimina
  10. Che piatto ricco!Davvero sostanzioso e pieno di gusto.
    Bacioni
    Alessandra

    RispondiElimina
  11. ciao! non la conoscevo ma sembra davvero una bontà! buona serata, Andrea

    RispondiElimina
  12. Anche se ho appena finito di cenare,un bel piatto di questa pasta lo mangerei volentieri...

    RispondiElimina
  13. Deve essere una vera bontà questo piatto della tradizione calabrese!! Ricetta salvata e da provare :-) Un abbraccio

    RispondiElimina
  14. Ciaoo, complimenti per questo golosissimo piatto! Pur essendo ligure lo conosco bene e lo cucino spesso, ed è veramente una libidine! grazieeee
    Ti abbraccio
    ciaoooo

    RispondiElimina