martedì 20 maggio 2014

Pitta china...con ricotta e salsiccia calabrese




Ed eccomi al mio primo appuntamento con "l'Italia nel piatto" e le ricette regionali, il cui tema questo mese è " Il latte e i suoi derivati". Partecipo con piacere e spero  di essere all'altezza del compito affidatomi. Rappresentare la mia bellissima terra  mi riempie d'orgoglio e cercherò di farvi conoscere alcuni dei tanti piatti della nostra tradizione contadina che, affidati unicamente alla tradizione orale, rischiano di scomparire. La cucina calabrese nasce dall'incontro di popoli e culture diverse e i suoi piatti sono semplici e aromatizzati, fatti di sapori forti e genuini. Questa saporita pitta ne è l'esempio. Perchè pitta e non torta salata? Perchè, il grano divenuto farina veniva offerto agli dei, durante i sacri riti, dai nostri avi Italioti e Romani, che lo manipolavano in forma di " pictae ", cioè di focacce di pasta lievitata, senza buco: così noi continuiamo a preparare le " pitte ", tramandandocene le ricette apprese nell'infanzia. Le varianti del ripieno sono tante e dipendono dalle diverse zone, resta comunque fondamentale l'abbinamento del formaggio con il salume. Prodotti questi che non mancavano mai  sulla tavola dei nostri nonni in quanto provenienti dagli animali allevati in cortile. 
 Il piatto sicuramente acquista sapore per la genuinità e freschezza degli ingredienti e infatti la ricotta, anzi le ricottine, sono del posto ( non di rado la mattina sento le campanelle delle caprette e l'abbaiare dei cani pastori ); allo stesso modo la salsiccia, piccante e morbida al punto giusto (la mia non ha il finocchietto  che troviamo invece in altre zone della Calabria).

Ingredienti
pasta di pane già pronta, preparata con:
300 gr di farina 00
mezzo cubetto di lievito di birra
un cucchiaino di sale
un pizzico di zucchero
1 cucchiaino di peperoncino piccante in polvere
2 cucchiai d'olio evo
acqua qb
Ripieno
3 ricottine
100 gr di salsiccia stagionata
100 gr di pecorino fresco
50 gr di pecorino grattugiato
foglioline di prezzemolo
sale
olio evo
Preparazione
In una ciotola mettete le ricotte , lavoratele con la forchetta e aggiungete un pizzico di sale, il pecorino grattugiato, il prezzemolo tritato e un goccio d'olio evo. Amalgamate il tutto.



Tagliate la salsiccia a pezzetti e il pecorino a fette sottili. Ungete con olio una tortiera. Stendete con il mattarello la pasta in modo da ottenere due dischi. Con quello più grande foderate la tortiera, riempite con la ricotta, la salsiccia e il formaggio a fette.






 Ricoprite con con il secondo disco e ripiegate verso l'interno il bordo di pasta sigillandolo bene. Bucherellate la superficie, ungetela  con un filo d'olio e mettete la pitta in forno già caldo per 20 minuti a 200°.



 La pasta dovrà acquistare un colore dorato. Fatela riposare un pò prima di gustarla.






Riscaldata è ancora più buona perchè la pasta risulta più croccante mentre il cuore di ricotta rimane sempre morbido.




Ed ecco cosa propongono le altre regioni:
Lombardia- Riso al latte
 Veneto - Risini di Verona
 Trentino Alto Adige -  Torta Simona, ricetta originale trentina
 Emilia Romagna - Buslàn - Ciambella Piacentina 
 Liguria -  Budino di latte 
 Marche - Il lattaiolo in pasta matta
 Puglia - La ricotta fatta in casa 
 Calabria- Pitta China con ricotta e salsiccia  http://ilmondodirina.blogspot.com/2014/05/pitta-china con-ricotta-e-salsiccia.html
 Sardegna- non partecipa


20 commenti:

  1. Ciao Barbara, benvenuta, hai esordito con una bellissima ricetta, che conosco, perché mia nonna che era di origini calabresi, spesso la preparava, a volte cambiando il ripieno a seconda dei desideri dei nipoti. Grazie per avermi ricordato con la tua pitta questa cosa, un bacione a presto

    RispondiElimina
  2. Una Regione da scoprire, brava Rina hai presentato una bellissima ricetta :)
    Un bacio

    RispondiElimina
  3. Una ricetta squisita !!! :) Buona giornata e a presto !!! :) Claudia

    RispondiElimina
  4. che bontà superlativa!!!!! da buona calabrese, quale sono, non posso resistere!!!!!!! ti seguirò con piacere Lory

    RispondiElimina
  5. benvenuta e complimenti! Ingresso con il botto! Tutto quello che contiene è estremamente goloso e tipico!! Davvero una bella ricetta! un bacione e a presto!

    RispondiElimina
  6. Ciao Barbara!!!! Cavoli che ricetta!!!! Complimenti cara!!!!! Mi hai fatto venire un'acquolina... ;-D

    RispondiElimina
  7. Tutto perfetto Barbara e sono strafelice che tutto sia andato bene.Tu ci hai messo l'anima e tutto l'amore possibile a dimostrazione che la tua calabria la porti nel cuore.Una ricetta spettacolare ed una spiegazione della terminologia davvero interessante.
    Non aggiungo altro :-)
    A presto

    RispondiElimina
  8. Ne mangerei volentieri una maxi fetta!!!

    RispondiElimina
  9. Come sempre hai accompagnato la tua gustosa ricetta da tante interessanti nozioni che parlano del passato. Complimenti!
    Bacioni
    Alessandra

    RispondiElimina
  10. Una ricetta ricca di sapori e di profumi. Ne assaggerei volentieri una fetta anche io. Benvenuta nel gruppo

    RispondiElimina
  11. Sarai sicuramente all altezza, vista la deliziosa ricetta proposta!! Complimenti, un abbraccio

    RispondiElimina
  12. Benvenuta Barbara!! Complimenti per questa ricetta stra golosa che ...papperei in un sol boccone :) Buona serata e a presto!

    RispondiElimina
  13. ciao barbara, benvenuta nel gruppo, questa pitta mi piace moltissimo, un bel ripieno ricco e saporito, un bacio

    RispondiElimina
  14. benvenuta Barbara e felice di averti con noi!
    conosco benissimo i sapori ottimi e decisi della cucina calabrese...e che dire di questa pitta? adoro queste focacce ripiene, ne mangerei a volontà!
    un bacione

    RispondiElimina
  15. Voglio ringraziarvi per la disponibilità e l'aiuto che mi avete dato per questa mia prima volta. Sono certa di imparare tanto da voi e di trasmettere la bontà della cucina calabrese.

    RispondiElimina
  16. Ciao Barbara, che piacere averti con noi e che bello leggere quanto tu sia legata alla cucina del tuo territorio.
    Hai realizzato una ricetta con il cuore e questo si vede, dalla ricerca degli ingredienti genuini , alla note sulle loro caratteristiche, per non parlare delle foto che la dicono lunga sulla bontà di questa pitta.

    Grazie a te per la tua voglia di raccontare la cucina della tua regione.

    Un abbraccio

    RispondiElimina
  17. chiedo in quale parte della Calabria viene preparata questa specialità? grazie. Di sicuro è molto buona

    RispondiElimina
  18. Deve essere squisita!
    Grazie per aver condiviso questa ricetta della tua bella terra :-)
    Buon weekend
    Mari

    RispondiElimina