martedì 14 aprile 2020

Tortano calabrese



Quest'anno ho preferito che la mia Pasqua fosse più tradizionale, più aderente alla cultura gastronomica della mia terra. E così accanto alla pasta china e ai vrascioli ha trovato posto il tortano, contornato da salsicce e soppressate. Questo pane, originario dell'alto cosentino, rappresenta la rinascita e le uova che lo decorano ne sono testimonianza. Anticamente veniva preparato con la sugna e il lievito madre e cotto nel forno a legna, io ve lo propongo con delle piccole varianti che non hanno alterato comunque il suo sapore.

Ingredienti
500 gr di farina 00
12 gr di lievito di birra fresco
3 uova
50 ml di olio evo
un cucchiaino di sale
un cucchiaio di semi di finocchio
Per decorare
3 uova sode
olio per spennellare

Preparazione
Versate in una ciotola la farina con i semi di finocchio e miscelate bene. Di seguito aggiungete il lievito sciolto in mezzo bicchiere di acqua tiepida, le uova leggermente sbattute con il sale e l'olio. Lavorate fino ad ottenere un impasto compatto ed elastico. Fate lievitare fino al raddoppio ( io nel forno per tre ore circa). Trascorso questo tempo con la pasta lievitata formate due cordoni uguali,  intrecciateli e poi formate una ciambella. Disponete le uova tra gli incavi e fate lievitare nuovamente in una tortiera foderata con carta forno. 


Una volta che il tortano è lievitato spennellatelo con l'olio e infornate nel forno già caldo a 180° per 30/35 minuti, fino a doratura.
Sfornate e fatelo raffreddare prima di gustarlo.




1 commento: