mercoledì 2 febbraio 2022

Pruppetti janchi ovvero polpette di maiale in bianco



L'Italia nel Piatto, 2 Febbraio: Le polpette

E in Calabria questo è il momento giusto per preparare le buonissime polpette bianche.

Questo è il periodo del maiale: alcuni si macellano e altri si comprano. I primi giorni di Febbraio infatti in tanti comuni del territorio calabrese si tiene la fiera della Candelora ed è usanza comprare i suini da allevare. Ne consegue che tra Gennaio e Febbraio è un imperativo consumare la carne di maiale sia per le provviste che in cucina. Dopo la prima parte più cruenta, quella che mi è sempre piaciuta è la parte finale di questa saga: 'a coddara, un'arte, un bagaglio di sapori e saperi. Una volta terminato di fare i salumi le nostre antenate immergevano in un grande pentolone, 'u stagnatu, pieno di acqua salata piedini, cotiche, gamboni, orecchie e altre ossa ricoperte più o meno di carne. Il tutto veniva cotto a fuoco lento per parecchie ore. Una volta che la carne è cotta inizia il pranzo conviviale aspettato da tutti: pruppuni (la carne della coddara), frittole, soffritto con contorno di verdure lesse e...i pruppetti janchi, che  non sono le classiche polpette. La carne deve essere tagliata a coltello, se è quella usata per fare le salsicce è ancora meglio, ci vuole il pecorino, pane di casa raffermo e poi un liquido speciale per la cottura. Vengono difatti immersi nell'acqua della coddara, quell'acqua dove si sono cotti i pruppuni. Vi assicuro che sono di una bontà indescrivibile, per sapore e morbidezza.

Certamente oggi fare 'a coddara come un tempo in casa non è possibile, nulla ci vieta comunque di farlo in un modo più domestico. Vi spiego adesso come fare.

Ingredienti

* per le polpette

300 gr di tritato di maiale

150 gr di pane raffermo

prezzemolo

50 gr di pecorino calabrese

1 uovo

sale

* per il brodo

carne di maiale (costine, cotiche, gambone, zampette)

Preparazione

Iniziate con la preparazione del brodo. In una pentola capiente versate dell'acqua e immergetevi i pezzi di carne rispettando i diversi tempi di cottura, di seguito salate e fate cuocere a fuoco dolce fintanto che la carne non si staccherà dall'osso.


Nel frattempo dedicatevi alla realizzazione delle polpette. In una ciotola versate il macinato di maiale ( fatelo tritare dal macellaio grossolanamente, in alternativa potete tagliare la carne a coltello), il pane raffermo precedentemento ammollato e strizzato, il prezzemolo tritato, il pecorino, il sale e l'uovo. Impastate il tutto e fate riposare l'impasto per una mezzoretta, poi assaggiate per eventualmente regolare di sale e pecorino. Formate con le mani le polpette, non molto grandi.


 In una pentola di coccio versate del brodo  e immergetevi le polpette. Fatele cuocere a fuoco dolce per 20 minuti circa. Una volta pronte versate nel piatto sia le polpette che il brodo. Servite il tutto ben caldo.








Andiamo a conoscere adesso le altre polpette d'Italia



8 commenti:

  1. Ma che buone! Grazie per la condivisione!

    RispondiElimina
  2. Molto particolari queste polpette e come metodo di cottura mi ricorda molto i nostri canederli
    Grazie Manu

    RispondiElimina
  3. Mi hai fatto fare un tuffo nei ricordi con queste polpette in brodo, le preparava mia nonna ma nella versione con carne mista... buonissime!!!! A presto LA

    RispondiElimina
  4. Anche qui il gusto non manca con queste polpette! Una ricetta davvero interessante!

    RispondiElimina
  5. le polpette bianche di Carnevale! In Calabria ci sono usanze così radicate e belle, e con quelle materie prime squisite è impossibile non fare festa! un abbraccio

    RispondiElimina
  6. Cotte nel brodo mi mancava, ne immagino il sapore!

    RispondiElimina
  7. CHe buone cotte nel brodo. Devono essere buonissime e morbidissime

    RispondiElimina