mercoledì 10 luglio 2019

Polpettone con spinaci in crosta



Il polpettone è un secondo piatto molto gustoso e anche semplice da preparare. In pratica non è altro che una grossa polpetta, ma è ancora più versatile perchè possiamo farcirlo con ciò che abbiamo in frigo oppure con gli ingredienti che più prediligiamo. Stavolta io l'ho farcito con spinaci, uova sode e provola affumicata e poi l'ho rivestito con fette di pancetta. La crosta che si forma rende il polpettone oltre che bello da vedere molto saporito e appetitoso.
Ingredienti
500 gr di macinato di vitello
100 gr di pane raffermo
2 uova
50 gr di parmigiano grattugiato
prezzemolo tritato
2 uova sode
fettine di provola affumicata
200 gr di spinaci 
una noce di burro
150 gr di fette sottili di pancetta
sale q.b.

Preparazione

In una pentola fate cuocere gli spinaci, fateli intiepidire, strizzateli e poi fateli saltare in una padella con il burro fintanto che non saranno asciutti. Fate ammorbidire il pane nell'acqua e poi strizzatelo ben bene. In una ciotola versate il macinato, le uova, il parmigiano, il pane, il prezzemolo tritato e il sale. Impastate il tutto fino ad ottenere un impasto omogeneo.
Su un foglio di carta forno stendete l'impasto di carne in un rettangolo, coprite con gli spinaci, le uova sode e le fette di provola.



Arrotolate il composto e poi ricoprite la sua superficie con le fette di pancetta. Rivestite uno stampo con carta forno, adagiatevi il polpettone e infornate a 180° per 35/40 minuti. 


Una volta cotto fatelo intiepidire e servitelo tagliato a fette. Io come contorno ho usato dei pomodori, ma vanno bene anche delle patate specialmente se cotte insieme al polpettone.






mercoledì 3 luglio 2019

Bracioline di patate, zucchine e tonno





Quando penso alle ricette estive penso a piatti semplici, piatti di pesce e di verdure, facili e veloci da preparare e soprattutto stuzzicanti.  Di recente ho scoperto il binomio verdure/pesce e quindi non potevo rinunciare a preparare queste delicate e golose bracioline di patate, zucchine e tonno. Ingredienti economici e che si trovano facilmente in dispensa. Ricordate che il tonno deve essere di ottima qualità e sott'olio. Possono essere uno sfizioso  antipasto ma anche un gustoso secondo se accompagnato da verdure cotte o crude.
Le mie bracioline sono fritte, ma naturalmente se non avete voglia di friggere potete preparare le bracioline al forno, però vi assicuro che fritte sono da urlo. Una tira l'altra e spariscono prima di arrivare in tavola.

Ingredienti
500 gr di patate
300 gr di zucchine
200 gr di tonno sott'olio
2 cucchiai di parmigiano
1 cucchiaio di pecorino calabrese
1 uovo
prezzemolo
menta
sale q.b.
olio di semi per friggere
pangrattato

Preparazione
Lavate le patate e fatele cuocere con la buccia in acqua salata. Una volta cotte scolatele, fatele raffreddare un attimo e poi schiacciatele con lo schiacciapatate.
Lavate le zucchine e grattugiatele con una grattugia a fori larghi.
In una ciotola capiente versate le patate, le zucchine grattugiate, il tonno sgocciolato e sbriciolato, l'uovo, i formaggi e gli aromi tritati. Amalgamate bene il tutto e regolate di sale. Se l'impasto dovesse rivelarsi molle aggiungete  un pò di pangrattato.



Formate con le mani bagnate le bracioline e passatele nel pangrattato. 



Una volta pronte friggetele in olio bollente e appena sono dorate toglietele e mettetele a sgocciolare su carta assorbente da cucina.
Servitele calde o fredde, sono ugualmente buone.





martedì 2 luglio 2019

Scilatelle con nduja e cipolla di Tropea





L'Italia nel Piatto, 2 Luglio: lo spaghetto nel piatto...a mezzanotte

La spaghettata di mezzanotte, un vero must per quando in estate si fanno le ore piccole con gli amici e si ha voglia di un piatto leggero, veloce e gustoso.
E il tema di questo mese per noi del gruppo de L'Italia nel Piatto è questo piatto classico della cucina italiana. Ma essendo io calabrese lo spaghetto l'ho reso nostrano, l'ho sostituito infatti con le scilatelle, un formato di pasta che si prepara con il ferretto e come condimento ho usato ingredienti della mia terra: nduja, ricotta e cipolle di Tropea. 
La ricotta è un latticino magro prodotto da secoli dai pastori calabresi che ben si sposa con la nduja, il nostro salame morbido e piccante; e poi c'è la cipolla di Tropea, un vero elisir di lunga vita per le sue innumerevoli proprietà.
Un piatto quindi che profuma totalmente di Calabria.

Ingredienti
200 gr di scilatelle fresche
1 grossa cipolla rossa di Tropea
1 cucchiaino di nduja
1 ricottina di pecora
sale q.b.
olio evo
Preparazione
Tagliate la cipolla ad fette sottili, ma non troppo, in modo da sentirne la consistenza anche una volta cotta. In una padella versate l'olio evo e fate cuocere la cipolla con un pò d'acqua e un pizzico di sale. Quando sarà morbida aggiungete la nduja schiacciandola con una forchetta per farla scioglierla nel fondo di cipolla caldo. Fuori dal fuoco aggiungete la ricotta e amalgamate il tutto.



Cuocete le scilatelle in abbondante acqua salata, poi scolatele, tenendo un pò di acqua di cottura per diluire il condimento e renderlo più cremoso. Versate le scilatelle nella padella con il condimento, mantecate bene e servitele ben calde.




E ora andiamo a curiosare nelle altre cucine

Trentino Alto-Adige: Bigoi o spaghetti con le sarde

L'Italia nel piatto: https://litalianelpiatto.blogspot.com/2019/07/lo-spaghetto-nel-piattoa-mezzanotte.html




domenica 30 giugno 2019

Crostata con frutta fresca e crema allo yogurt




La crostata con frutta fresca è un dessert goloso e salutare adatto per l'estate. E' un dolce semplice, fresco, colorato e leggero realizzato con un guscio di pasta frolla e una crema delicatissima preparata con panna e yogurt al limone. Per la frutta seguite la stagionalità e in questo periodo la varietà di frutta è talmente ampia da avere l'imbarazzo della scelta. 
Ingredienti
Per il guscio di frolla
250 gr di farina 00
100 gr di zucchero
100 gr di margarina
1 uovo
1 cucchiaino di lievito per dolci

- Per la crema
200 ml di panna fresca
2 vasetti di yogurt al limone
2 cucchiai di zucchero a velo

- Frutta di stagione
nocipesche
pesche
fragole
ciliegie
1 cucchiaio di zucchero di canna

Preparazione
Per prima cosa realizzate il guscio. Preparate la pasta frolla, avvolgetela nella pellicola trasparente e fatela riposare in frigo per 30 minuti. Stendetela poi in una tortiera precedentemente imburrata e infarinata, bucherellate il fondo, coprite con carta stagnola e legumi secchi e fate cuocere in forno già caldo a 180° per 20/25 minuti. Eliminate poi la carta e i legumi e continuate la cottura per altri 5 minuti. Sfornate e fate raffreddare.
Per la crema in una ciotola versate lo yogurt, lo zucchero a velo, la panna e montate. Conservate in frigo.
Tagliate la frutta a pezzetti e miscelatela con un cucchiaio di zucchero di canna.
Farcite adesso il guscio di frolla con la crema allo yogurt, disponete la frutta e date una spolverata con zucchero a velo di canna e codette colorate ( facoltativo).
Tenetela in frigo fino al momento di consumarla.




lunedì 17 giugno 2019

Crostata arrotolata



Adoro le crostate e mi piace variare sia l'impasto della frolla che la farcia. Oggi vi presento un rotolo preparato arrotolando la frolla,  un dolce semplice da realizzare e buonissimo. 
Vi assicuro che questi biscottoni farciti creano dipendenza, non si può smettere di addentarne uno dopo l'altro.
Ingredienti
250 gr di farina 00
80 gr di zucchero
100 gr di burro 
1 uovo e 1 tuorlo
1 cucchiaino di lievito per dolci
marmellata di ciliegie
latte per spennellare
Preparazione
Preparate la classica pasta frolla e dopo averla fatta riposare in frigo per una mezzoretta circa stendetela in un rettangolo su un foglio di carta forno leggermente infarinato. Spalmatevi la marmellata e arrotolate la pasta frolla aiutandovi con la carta forno sigillando bene le estremità. Spennellate il rotolo con il latte ed infornate a 180° per 20/25 minuti, la superficie diventerà dorata e si formeranno le classiche crepe. 



Al termine sfornatelo, cospargetelo con zucchero a velo e fatelo raffreddare prima di tagliarlo a fette.





venerdì 14 giugno 2019

Parmiggiana 'ntra tiana






Parmiggiana con due G, perchè nel mio dialetto tante parole raddoppiano per far capire meglio il significato. E la nostra parmiggiana raddoppia per odori e sapori perchè 'u conzu è sempre super abbondante.
Io amo parlare in dialetto perchè con poche lettere riesco a sintetizzare una sensazione, uno stato d'animo o un ricordo, li definisco meglio e anzi li personalizzo. Il dialetto è parte della mia infanzia, del mio vissuto, è una ricchezza insostituibile da tutelare.
E la nonna dopo aver messo una bella fetta di parmiggiana nel piatto era solita dire: "E mo si ca ti sciali", facendone pregustare anzitempo la bontà.
Da un pò ho preso l'abitudine di fare la parmiggiana sul fuoco dentro una tiana di coccio. Lo faccio per evitare di accendere il forno, specialmente in estate, e poi perchè nella tiana il calore si mantiene a lungo  e così bastano unicamente 15 minuti di cottura. E poi a pensarci bene un tempo non c'era il forno elettrico, tutto si cuoceva sulla cucina economica o nel forno a legna. 
Ma adesso andiamo alla ricetta.
Ingredienti
1 kg di melanzane
500 ml di salsa
200 gr di provola fresca
100 gr di salsiccia piccante fresca
50 gr di parmigiano grattugiato
50 gr di pecorino grattugiato
1 spicchio d'aglio
1 peperoncino piccante
basilico
olio evo
olio per friggere
sale q.b.
Preparazione
Lavate le melanzane, togliete il picciuolo e tagliatele a fette dal lato più lungo senza sbucciarle. Mettetele in uno scolapasta, cospargetele di sale e lasciatele per una mezzora in modo che perdano il liquido di vegetazione. Quindi strizzatele, asciugatele e friggetele in olio bollente.
In una padella fate rosolare lo spicchio d'aglio e il peperoncino nell'olio evo, versate la salsa e salate. Fate cuocere a fuoco lento e alla fine aggiungete le foglie di basilico. 
Fate sbollentare la salsiccia e poi sbriciolatela.
Prendete adesso una tiana ( va bene anche una padella), versate un pò di sugo di pomodoro e sopra uno strato di melanzane. Coprite con il sugo, cospargete con il mix di formaggi, la provola e la salsiccia sbriciolata. Continuate con la preparazione alternando gli ingredienti a strati fino ad esaurimento. Terminate con il pomodoro, spolverate con il mix di formaggi e guarnite con il basilico. 



Mettete un coperchio e cuocete a fuoco basso per 15/20 minuti. Spegnete e fate intiepidire. Più la parmiggiana riposa più è buona.


mercoledì 5 giugno 2019

Cipolle di Tropea con melanzane


Cipolle ripiene con melanzane. Un antipasto ma anche un salvacena sfizioso ed economico perchè  per portare a tavola pietanze gustose a volta basta poco.
L'idea di base è molto semplice: occorre tagliare a metà le cipolle, svuotarle e utilizzarle come contenitore per gli ingredienti che vi piacciono di più. Io stavolta ho optato per le melanzane, un ortaggio di stagione.
Le cipolle sono logicamente quelle di Tropea, dall'inconfondibile sapore dolce e dalle numerose proprietà benefiche.
Ingredienti
2 grosse cipolle di Tropea
1 melanzana piccola
foglie di basilico e menta
un pizzico di origano
1 cucchiaio di pane raffermo
1 cucchiaio di parmigiano
1/2 cucchiaio di pecorino
origano
1 spicchio d'aglio
sale q.b.
olio evo
Preparazione
Pulite le cipolle e lessatele per 10 minuti in acqua bollente salata. Trascorso il tempo scolatele, tagliatele a metà ed estraete i cuori lasciando soltanto i due strati esterni.
In una padella fate rosolare lo spicchio d'aglio in un filo d'olio evo e aggiungete la melanzana tagliata a dadini. Salate e fate cuocere a fiamma bassa e con il coperchio. A cottura ultimata e a fuoco spento versate il pane precedentemente ammollato e strizzato, il parmigiano, il pecorino,un pizzico di origano, i cuori delle cipolle e le foglie di basilico e menta triturati. Mescolate e regolate di sale. 
Farcite le cipolle con il composto di melanzane e adagiatele in una tortiera unta d'olio evo. Irrorate anche le cipolle con un filo d'olio e infornate a 180° per 15/20 minuti.



Potete gustare le cipolle ripiene sia calde che fredde.