domenica 2 novembre 2014

Marzallette



Italia nel piatto - 2 novembre: Comfort Food
Fino a poco tempo fa non avevo idea di cosa si celasse sotto questo termine o più precisamente avevo lasciato perdere. Ma l'appuntamento di questo mese mi ha "costretta" ad informarmi. E cosi ho scoperto che con questa espressione, arrivata dagli Stati Uniti sul finire degli anni Settanta, si indica un cibo che suscita nostalgia, emozione, che ti coccola e ti riscalda. Un pò come la mia vecchia e calda vestaglia quando ho freddo! Però al contrario del comfort food americano, associato il più delle volte a prodotti commerciali, da noi indica il piatto della mamma o della nonna, quindi un piatto tradizionale, genuino e spesso povero. Se chiudo gli occhi mi viene in mente " l'uovo sbattuto " che mi preparava mia nonna quando studiavo, oppure " il brodo con le polpettine " di mia mamma oppure ancora "la cioccolata calda" che preparava mia zia. Quindi soltanto cibi legati ad un periodo della nostra vita e a delle persone care? Certamente no! E infatti il mio comfort food sono le marzallette ( chiamate impropriamente mastaccioli ), dei biscottoni mandorlati al miele che sgranocchio continuamente soprattutto nel periodo invernale. Mi riscaldano, mi danno un senso di benessere, mi piacciono, anche se apportano qualche caloria di troppo.
 Le marzallette non sono un dolce della nonna, però sono un ricordo della mia infanzia. Ricordi che andando in avanti con gli anni riaffiorano più spesso e più nitidamente. Ricordi legati alle fiere paesane, al piacere di andare a curiosare presso il banchetto dei "mastazzolari sorianesi" , per portare a casa un pacchetto di mastaccioli. Cosa che faccio tutt'ora, anche se ho imparato a prepararli. Ma gli originali sono un'altra cosa!
Le marzallete e i mastaccioli sono l'emblema di Soriano, un piccolo borgo delle Serre Calabre. Hanno origine antichissima, un intreccio tra storia e leggenda. La leggenda parla di un monaco venuto dal nulla e svanito nel nulla che avrebbe offerto questi dolci alla popolazione ; la storia invece narra che furono i monaci certosini prima e i domenicani poi ad insegnare ad alcuni artigiani l'arte della pasticceria ( nel paese fu fondato un convento domenicano intorno al 1500 ). Mentre i mastaccioli sono biscotti duri, compatti, pesanti, dalle forme più svariate e con decorazioni di carta stagnola colorata,  le marzallette, o semplicemente biscotti al miele, sono dei dolci dalla forma un poco rustica e dal sapore forte, fatti con miele di acacia o castagno, farina e mandorle.

Le originali


Mastaccioli


Ingredienti
500 gr circa di farina 00
150 gr di miele ( io acacia )
100 gr di zucchero
300 gr di mandorle tostate
1 uovo
la scorza di un limone grattugiata
un cucchiaino da caffè di ammoniaca
cannella e chiodi di garofano ( facoltativi )
50 ml di vino cotto
Preparazione
In un pentolino sciogliete il miele con lo zucchero. In una ciotola setacciate la farina, aggiungete la mandorle, l'ammoniaca, il vinocotto, le scorzette di limone e il miele intiepidito. Lavorate il composto fino ad ottenere una pasta liscia ed omogenea, se è duro aggiungete vino cotto, se è molle farina.


 Formate dei salami che schiaccerete un pò  con le mani bagnate.


Metteteli in una tortiera foderata con carta forno e infornate a 170° per 15/20 minuti circa e comunque fino a doratura leggermente scuretta. Sfornate a tagliate a fette. Appena sfornati possono essere duri, ma poi si ammorbidiscono.
Il colore più o meno scuro dipende dal tipo di miele usato:con il miele di acacia e il millefiori  le marzallette avranno un colore più chiaro, invece saranno bruniti con il miele di castagno.






Pronte per essere regalate nella classica velina
che ne salvaguarda la freschezza.

E adesso andiamo a scoprire altri Confort Food

Trentino-Alto Adige:  Pane di molche (El Pam de molche) con le noci 
http://www.afiammadolce.it/2014/11/pane-di-molche-pam-de-molche-con-le-noci.html
  
Friuli-Venezia Giulia:  Goulash di oca alla friulana con polenta e frico croccante 
http://ilpiccoloartusi.blogspot.com/2014/11/goulash-doca-alla-friulana-con-polenta.html

Lombardia: Ravioli di zucca (Raviöi de ssüca)
http://kucinadikiara.blogspot.com/2014/11/ravioli-di-zucca-ravioi-de-ssuca.html

Veneto: Pearà
 http://letenerezzediely.blogspot.com/2014/11/pearà.html

Valle d'Aosta: Budino di pane di segale http://atuttopepe.blogspot.com/2014/11/budino-di-pane-di-segalela-valle-daosta.html

Piemonte: Non partecipa

Liguria:  Ciuppin     http://arbanelladibasilico.blogspot.com/2014/11/litalia-nel-piatto-comfort-food.html


Emilia Romagna: Zuppa imperiale http://zibaldoneculinario.blogspot.com/2014/11/zuppa-imperiale-per-litalia-nel-piatto.html

Lazio: Minestra di ceci e castagne 
http://beufalamode.blogspot.com/2014/11/minestra-di-ceci-e-castagne-per-litalia.html

Toscana: Pappa al pomodoro http://acquacottaf.blogspot.com/2014/11/pappa-al-pomodoro.html

Marche: Olive all'ascolana http://lacreativitaeisuoicolori.blogspot.com/2014/11/olive-allascolana-ricetta-tipica-delle.html  

Abruzzo:Scrippelle 'mbusse http://ilmondodibetty.blogspot.com/2014/11/scrippelle-mbusse-per-litalia-nel-piatto.html
  
Molise: U Suscelle - http://lacucinadimamma-loredana.blogspot.com/2014/11/u-suscelle-per-litalia-nel-piatto.html

Umbria: Zuppa di cecere http://amichecucina.blogspot.com/2014/11/zuppa-di-cecere-per-litalia-nel-piatto.html

Basilicata: Lagane e ceci
http://blog.alice.tv/profumodicannella/2014/10/31/lagane-e-ceci-infallibile-comfort-food/

Campania: Pettole e fagioli sfritte -http://www.isaporidelmediterraneo.it/2014/11/pettole-e-fagioli-sfritte.html

Puglia: Cavatelli, cozze e fagioli - http://breakfastdadonaflor.blogspot.com/2014/11/cucina-pugliese-cavatelli-cozze-e.html

Calabria:Marzallette -http://ilmondodirina.blogspot.com/2014/11/marzallette.html

Sicilia: I taralli siciliani - http://burro-e-vaniglia.blogspot.com/2014/11/i-taralli-siciliani.html


Sardegna:









25 commenti:

  1. ne mangerei all'infinito.... li adoro

    RispondiElimina
  2. Fantastici... sarebbero perfetti per la mia merenda!!!!
    Bravissima!

    RispondiElimina
  3. Me ne spedisci un pacchettino?!

    RispondiElimina
  4. Beh Barbara, sono buonissimi!!!!!!!! Credo si facciano cosi un po' in tutta Italia, è bellissimo scorprire che siamo lontani ma....vicini vicini:) Ti abbraccio!!! Complimenti, Yrma

    RispondiElimina
  5. Ciao Barbara, anche la mai nonna che era di origini calabresi mi preparava questi buonissimi biscottini, un comfort food anche per me!

    RispondiElimina
  6. E' già...qui è toccato a tanti (me compresa) informarsi sul vero concetto di comfort food. Pensa che io credevo si riferisse unicamente alle zuppe! Invece ci sono anche i dolci...i tuoi biscotti sono una bellissima coccola, complimenti Barbara!

    RispondiElimina
  7. Barbara sono ...troppo buoni! Sono biscottini che si preparano in tutta Italia, ogni regione con la propria variante, più o meno. Tutti buonissimi!!!
    Buona settimana
    Rosa

    RispondiElimina
  8. Mi associo alle tue parole. L'argomento di questo mese ci ha dato la possibilità di conoscere un'altra cosa nuova. Ottimi di tuoi biscottini ... un abbraccio

    RispondiElimina
  9. Ah di questi ne mangerei fino alla nausea!

    RispondiElimina
  10. Grazie per questa delucidazione sul comfort food. Squisiti biscotti!
    Bacioni
    Alessandra

    RispondiElimina
  11. Cara Barbara, anch'io ignoravo il significato preciso di questo termine finchè non ho letto il tuo (come sempre) interessantissimo post, grazie mille:)). Ti faccio tantissimi complimenti per questi invitantissimi biscotti tradizionali, tipici della tua terra, devono essere veramente buonissimi e molto profumati, che meraviglia, bravissima come sempre:))
    un bacione e buona settimana:))
    Rosy

    RispondiElimina
  12. Post molto interessante e che bei biscottoni :)
    Adoro tutto ciò che è tradizione, questi biscotti fanno tanto casa, affetto, davvero un comfort food.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  13. Una ricercatrice, ogni volto che leggo i tuoi post rimango impressionato dal tuo amore nel ricercare o la tradizione o un termine non nostro.
    Da noi questi biscotti si chiamano murzelle, con il nome ci siamo quasi, e sono di una bontà unica.
    Una tira l'altra.
    A presto

    RispondiElimina
  14. mastaccioli come mustaccioli da noi, saranno di un buono! speriamo di essere al prossimo giro :)

    RispondiElimina
  15. resto sempre piacevolmente colpita dai tuoi post sempre ricchi di notizie curiosità e tradizioni locali! si vede che ci metti tutta la passione!
    di questi dolcetti ne mangerei volentieri a volontà!
    un bacione

    RispondiElimina
  16. Interessante post e bella ricetta. Da noi i mostacciuoli sono un dolce tipico, ma completamente diverso da questi dolcetti che ricordano più i cantucci. Buonissimi sempre, anche dopo un pasto abbondante!

    RispondiElimina
  17. Che buoni, così speziati devono essere profumatissimi. Mi ricordano i cantucci toscani. Brava Rina, con i tuoi post, si impara sempre un po' di storia gastronomica delle tradizioni della nostra bella Italia.

    Un bacione! A presto.

    RispondiElimina
  18. Che buoni, Barbara! Grazie per la ricetta e per il post e complimenti, ti abbraccio :) :**

    RispondiElimina
  19. Complimenti per il poste e la ricetta, buonissime!! Ora che si avvicina, questi sono i prodotti da preparare! bravissima!

    RispondiElimina
  20. Un piacere scoprire un dolce tradizionale ,di quegli che piacciono a me.
    L'ovetto sbattuto mi sa che è toccato a tutti ;)

    RispondiElimina
  21. Questi me li "riciclo" per Natale!!! :-)

    RispondiElimina
  22. Favolosi questi tuoi dolcetti! Subito mi sembravano dei cantucci, ma poi ho letto la ricetta e ho scoperto che sono le Marzallette, dei dolci tipici delle tue parti, mi piacciono tantissimo e mi annoto la ricetta da fare al più presto! Grazieeeee
    Ti abbraccio
    ciaooo

    RispondiElimina
  23. buonissimi e profumati, sono come le ciliegie, non si riesce a smettere di mangiarli.
    un bacio
    Miria

    RispondiElimina