venerdì 11 novembre 2016

Crustuli salati, muruneddhi e San Martino




La festa di San Martino è una ricorrenza molto sentita nel mio comprensorio e in tutta la Calabria in generale. Oggi si è ridotta ad una delle tante sagre di paese e incontrarsi con gli amici, assaggiare il vino novello e i prodotti tipici del territorio è un'occasione che nessuno si lascia sfuggire.  In passato per i nostri nonni era una serata di festa, si mettevano da parte tutti i problemi che la dura vita dei campi imponeva e si andava per cantine con gli amici per assaggiare il vino nuovo. Nelle case le donne preparavano pietanze tipiche della nostra cucina, piatti abbastanza corposi ideali per mandare giù i bicchieri di vino. Alla fine del pasto, oltre l'immancabile frutta secca, non potevano mancare i crustuli e i muruneddhi, due stuzzichini salati veramente gustosi ed invitanti, facili da preparare.
Ingredienti
500 gr di farina 00
1 uovo
1 cucchiaio di olio evo
un pizzico di sale
acqua qb
olio di semi per friggere
Preparazione
In una ciotola mettete la farina, fate una fontanella al centro e versate l'uovo leggermente sbattuto, l'olio, il sale e tanta acqua quanta ne serve per avere un panetto liscio ed omogeneo.


Fatelo riposare per 20 minuti avvolto nella pellicola trasparente e poi, dopo aver infarinato la spianatoia, stendete il panetto con l'aiuto del matterello e ricavate una sfoglia sottile ma non troppo. A questo punto con una rotellina tagliapasta ricavate strisce rettangolari larghe due dita.


Scaldate quindi una padella dai bordi alti piena d'olio e appena questo sarà caldissimo, friggete i crustoli pochi per volta, per non abbassare troppo la temperatura dell'olio. Vedrete che si riempiranno di bolle, è una loro caratteristica!


Rigiratele con delicatezza e una volta dorate trasferitele su un piatto foderato con carta assorbente.


Ed ecco pronti i crustoli, li potrete gustare con salumi e formaggi e un buon bicchiere di vino novello.


13 commenti:

  1. È sentita anche in Piemonte ma purtroppo non è una buona scusa per cucinare qualche prelibatezza, per cui .. mi metto in viaggio 😃

    RispondiElimina
  2. Mamma mia che buoni che devono essere!!!

    RispondiElimina
  3. Da te s'impara sempre qualcosa di tradizionale, brava

    RispondiElimina
  4. Non li conoscevo! Sono sfiziosissimi e molto stuzzicanti. Buona serata

    RispondiElimina
  5. Meravigliosi!!! grazie per avermi fatto conoscere questa tradizione!!

    RispondiElimina
  6. Carissima Barbara mi piacciono sempre i tuoi post,così ricchi di notizie relative alle tradizioni della tua terra attraverso i quali apprendo cose nuove e conosco piatti che ignoravo;).
    Qui da noi a san Martino si preparano le frittelle,semplici o con uva passa o con semi di finocchio..sono golosissime.
    Troppo invitanti e sfiziosi i tuoi crustuli,mi hai fatto venire troppa voglia di cimentarmi nella loro realizzazione,buonissimi:)).
    Grazie mille per la condivisione Barbara e complimenti:)).
    Un bacione e buon fine settimana:))
    Rosy

    RispondiElimina
  7. Grazie per le info e x queste golosita'che non conoscevo!!!!

    RispondiElimina
  8. Devono essere molto sfiziosi, come molte altre tue ricette
    Bacioni Alessandra

    RispondiElimina
  9. Devono essere ottimi! Grazie come sempre per portare avanti le nostre tradizioni calabresi! Buona serata, Anna

    RispondiElimina
  10. Quanto mi piacciono queste sfizioserie!!!!

    RispondiElimina
  11. Che golose tradizioni!!! Grazie per l'informazioni. Ho inserito link verso la tua ricetta sul mio post con San Martino. Ciao e buona serata!

    RispondiElimina