domenica 22 luglio 2018

Riccioli con gamberi e asparagi di mare




Quest'anno per la prima volta ho assaggiato gli asparagi di mare scoprendo che, al contrario di quanto immaginavo, non è una pianta che  vive sott'acqua, bensì cresce nei terreni salmastri in particolare dell'area mediterranea. Andando a curiosare su internet ho scoperto che il suo vero nome è Salicornia ( asparagi per la loro forma allungata e il colore verde intenso ), che è una pianta simile a un cespuglio ricca di sali minerali, come lo jodio e il bromo e che un tempo veniva bruciata per ottenere il bicarbonato di sodio, usato per la fabbricazione del vetro e del sapone.
 All'inizio della stagione, che va dalla primavera fino ad agosto, si possono mangiare i rametti più teneri crudi in insalata, in seguito è preferibile lessarla.
E adesso andiamo nella mia cucina per scoprire il piatto che ho preparato.

Ingredienti
200 gr di pasta formato riccioli
300 gr di asparagi di mare
200 gr di gamberi freschi
aglio
olio evo
sale


Preparazione
Lavate accuratamente gli asparagi di mare, tagliate le parti dure e tenete solo le cime morbide. Lessateli in acqua salata.
Sgusciate i gamberi ( a qualcuno lasciate la coda ) e tirate via il filo intestinale.
In un tegame capiente versate dell'olio e uno spicchio d'aglio e appena prende colore aggiungete i gamberi, salate e fateli cuocere. Di seguito versate gli asparagi di mare, mescolate e lasciate insaporire per qualche minuto. 


Se necessario aggiungete un mestolo dell'acqua di cottura della pasta. Cuocete i riccioli in abbondante acqua salata e una volta cotti scolateli e traferiteli nella padella del condimento. Mantecate e servite.




3 commenti:

  1. Conosco molto bene la Salicornia o asparago di mare. Chi la conosce qui la fa con le uova tipo frittata. A me piace bollita poco e poi saltata in padella. I rametti duri oppure quelli lunghi tagli le punte tenere le lessi e poi le peli in modo che puoi mangiarle lo stesso sono morbide. La buccia diciamo così viene via subito. La trovi a Trieste negli anfratti rocciosi che lungomare ne è pieno. Buona giornata e prendo nota.

    RispondiElimina
  2. Siccome me ne hanno regalato un bel po' il giorno seguente li ho utilizzato con le uova strapazzate.Davbero buoni. Un caro abbraccio Edvige e buone vacanze.

    RispondiElimina
  3. Non conoscevo questa verdura. Grazie.

    RispondiElimina