martedì 16 dicembre 2014

Pampapato di Ferrara


16 Dicembre " Ti regalo una ricetta " ( scambio di ricette tra regioni ) per L' Italia nel piatto.

Siamo già al 16 di Dicembre, fra 9 giorni è Natale e non sembra vero. Quante cose ancora da fare, ma nonostante la volontà e il desiderio il tempo è tiranno. Ti scivola dalle mani, tu lo rincorri e non riesci mai ad acciuffarlo interamente. Però questo correre mi piace, mi fa sentire viva, mi dà la spinta per andare avanti, anche se poi arrivo alla fine esausta. Comunque sono una persona positiva e condividere una festa così importante con parenti e amici è per me una grande gioia. Ma il 16 è anche la seconda uscita dell'Italia nel piatto, un secondo appuntamento tipicamente natalizio, infatti abbiamo deciso di farci un regalo. E quale miglior regalo se non scambiarci delle ricette per avere l'impressione di essere l'una nella casa dell'altra? In seguito ad un'estrazione a me è toccata l'Emilia Romagna,  mentre la Calabria è ospite delle Marche. Scegliere una ricetta della bravissima Elena è stato molto difficile, alla fine ho scelto il Pampapato anche in ricordo di mia suocera, nativa di Ferrara. 

Ingredienti
125 gr di farina
60 di zucchero
60 gr di miele ( io zagara )
50 gr di mandorle spellate
30 gr di pinoli
50 gr di arancia candita
50 gr di cedro candito
buccia di mandarino calabrese
40 gr di cacao amaro
un cucchiaino di cannella
un pizzico di noce moscata
50 ml di caffè
50 ml di latte
un cucchiaino di lievito in polvere.
glassa al cacao 
Elena ha usato il pimento al posto dei chiodi di garofano secondo lei troppo forti come aromi, io non ho usato nè l'uno nè l'altro;  ho invece aggiunto il cedro e la buccia di un mandarino triturata finemente che secondo me insaporiscono e arricchiscono questo dolce ancora di più. 
Preparazione
Impastate farina, lievito, zucchero cacao e miele, aggiungete la frutta candita, la buccia di mandarino, i pinoli e le mandorle entrambe intere ed infine il caffè con il latte. Il composto ottenuto deve essere morbido. Io ho preferito fare dei panetti monoporzione ed effettivamente  sono stata soddisfatta dell'idea, sono pure  ideali per regalarli. Con queste dosi ne ho realizzati tre utilizzando delle formine semisferiche che ho prima imburrato e infarinato.



 Infornate i pampapati in forno già caldo a 170° per 35 minuti circa. 



Lasciate raffreddare e poi ricoprite con del cioccolato fondente. Io ho utilizzato la glassa al cacao della Paneangeli. Elena consiglia di far riposare il pane per una notte, ma noi  li abbiamo mangiati subito, troppo buoni! 





Grazie del regalo.




E adesso andiamo a curiosare  nelle altre regioni

Trentino-Alto AdigeGli spaghetti della vigilia a Palma Campania
Friuli-Venezia Giulia: Torrone di Tonara
Lombardia: Il Fiarone Molisano


20 commenti:

  1. Anche a me capitò la mia amica Elena l'anno scorso, ottima scelta Barbara! Brave entrambi, complimenti per la splendida realizzazione! Un bacione

    RispondiElimina
  2. Fantastico, un ottimo dolce della tradizione e Natalizio, veramente complimenti!

    RispondiElimina
  3. Che bella questa iniziativa dello scambio, Elena è bravissima e tu non sei da meno. E il panpepato è buonissimo. Ciao, a presto.

    RispondiElimina
  4. Mi piacciono molto. Molto invitanti ! Buon proseguimento di giornata !

    RispondiElimina
  5. Bravissima, ottima scelta e favolosa presentazione!

    RispondiElimina
  6. gran bella ricetta, ottima interpretazione!!!!!Baci Sabry

    RispondiElimina
  7. che belli i tuoi panpapato, sicuramente il mandarino ha dato un tocco profumato unico, ottima idea!
    Grazie delle belle parole e complimenti per la realizzazione!
    Tanti auguri di cuore a te e alla tua famiglia!

    RispondiElimina
  8. Che bella realizzazione Barbara, sei stata bravissima! Ti auguro di passare delle belle feste con la tua famiglia, bacioni :)))

    RispondiElimina
  9. Un dolce squisito perfetto le feste natalizie. L' aggiunta del mandarino lo rende sicuramente più particolare.
    Bacioni
    Alessandra

    RispondiElimina
  10. non conoscevo questo golosissimo dolce: l'aspetto è veramente bellissimo e perfetto e immagino la bontà, che meraviglia:))bravissima come sempre Barbara, complimenti:))
    un bacione:))
    Rosy

    RispondiElimina
  11. Quanti dolci tradizionali e da provare sto riscoprendo, questo scambio è sempre molto stimolante.

    Un abbraccio e buone feste


    Loredana

    RispondiElimina
  12. un'altra bella versione di pampepato da provare, complimenti.
    Miria

    RispondiElimina
  13. Ma lo sai che non ho mai assaggiato il pampepato??
    Prendo in prestito la tua ricetta e lo provo!!
    Un caro abbraccio e a presto
    Carmen

    RispondiElimina
  14. Bellissima ricetta Barbara, preparata da te davvero con tanto Amore.
    Sei bravissima e grazie a te che fai parte di questo meraviglioso gruppo.
    A presto

    RispondiElimina
  15. Una di quelle ricette che ti mette una voglia di... NATALE!
    Buone feste!

    RispondiElimina
  16. Il panpepato...che squisitezza Barbara!!!! Complimenti, è stupendo!!!!

    RispondiElimina
  17. quanto hai ragione Barbara sul tempo che non basta mai...però l'importante è appunto riuscire a fare ciò che più ci gratifica e ci piace!
    sei stata bravissima a realizzare questo dolce di Elena!
    un bacione

    RispondiElimina
  18. Amo alla follia tutti i dolci natalizi ricchi di frutta secca e supercalorici e noi italiani abbiamo dato il meglio creandone ad ok in ogni regione! Un bacio cri

    RispondiElimina